ENOLOGO

FRANCESCO BACCHETTA PRESENTA
La Cantina Giacomo Mori

FRANCESCO BACCHETTA PRESENTA
La Cantina Giacomo Mori

san casciano dei bagni (siena)

Oggi parliamo di un’altra cantina storica che produce vini da oltre 80 anni, l’Azienda Agricola Giacomo Mori, situata nel territorio di San Casciano dei Bagni, dove la tradizione familiare e l’amore per la terra permettono di ottenere ottimi risultati e soddisfazioni.

L’azienda viene rilevata negli anni ’70 dai figli di Giovanni Mori, decidendo fin da subito di rispettare quanto era stato costruito nel tempo dalla famiglia, fino ad arrivare negli anni ’90 periodo in cui, con la prospettiva di produrre vini di qualità, si procede al reimpianto di nuovi vigneti con attenta scelta delle varietà sotto la supervisione di Giacomo Mori, rielaborando le etichette del nonno suo omonimo e traghettando l’azienda verso mercati nazionali ed internazionali.
La produzione si concentra sul Vino Chianti, Supertuscan monovitigno e Vinsanto del Chianti.

Per quanto riguarda il Chianti troviamo gli uvaggi classici di Sangiovese, Colorino e Canaiolo fermentati in acciaio a temperatura controllata per circa 15 giorni e successivamente invecchiati per diversi mesi in botti di rovere e barrique a seconda della tipologia di vino e affinati per 2-3 mesi in bottiglia.
Dal colore rosso rubino con sfumature violacee, presentano aroma di ciliegie, sentori di liquirizia e cuoio con un buon equilibrio tra struttura, morbidezza e tannicità con un finale di frutta matura.

Troviamo inoltre un Supertuscan monovitigno tra Merlot, Syrah o Cabernet Sauvignon 100%, un vino scelto per esaltare al meglio le caratteristiche varietali dal bouquet accattivante con lievi note erbacee e profumi tipici che donano equilibrio ed armonia.
Il prodotto tipico aziendale è il Vinsanto del Chianti, ricavato da uve bianche Trebbiano e Malvasia lasciate appassire per cinque mesi in appositi locali: nei primi giorni di Gennaio viene spremuto il mosto e messo a invecchiare in caratelli di rovere nella Vinsantaia per sei anni insieme alla madre, ovvero il residuo del vinsanto precedente, per poi essere imbottigliato, ottenendo un vino con un elevato concentrato di aromi tipici di frutta secca e miele che donano eleganza e lo rendono un prodotto da meditazione che si abbina a formaggi stagionati e dolci.

Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   


Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi le nostre promozioni e novità.
Non perdere le anteprime a prezzi unici.